Ho saputo del testo – o meglio, dell’articolo sul Guardian – di Nancy Fraser per tramite di un amico che mi ha taggato un link su facebook.